Riunione della Commissione Finanziaria

22 e 23 ottobre 2018

 


La Commissione Finanziaria dell’Ordine si èriunita dal 22 al 23 ottobre 2018 per l’ultima volta in questo sessennioaffrontando un programma di lavoro intenso e impegnativo.

Uno dei temi centrali della riunione era ilnuovo documento della Congregazione per gli istituti di vita consacrata„Economia a servizio del carisma e della missione“ che porrà una serie di sfideall’Ordine. Al riguardo saranno necessarie anche alcune decisioni da prenderenel prossimo Capitolo Generale. Per comprendere meglio il documento e perchiarire i passi da compiere, la Commissione ha invitato Suor AnnunziataRemossi, capoufficio della Congregazione per gli istituti di vita consacrata,che ha illustrato ai presenti i punti salienti degli orientamenti deldicastero. Alla presentazione di Suor Annunziata hanno assistito anche ilPriore Generale Fra Jesus Etayo e il Segretario Generale Fra André Sene.

Gli aspetti del documento che dovranno esserepresi in esame al prossimo Capitolo Generale sono:

- definizione del patrimonio stabile ericezione delle relative disposizioni contenute nel documento

- limite temporale anche per la carica dilegale rappresentante

- disposizioni per l’elaborazione dei seguentidocumenti con validità per tutto l’Ordine: piano carismatico e direttorioeconomico

- riflessione sulle forme giuridiche distinteper le opere

Tra gli altri temi affrontati dallaCommissione, figuravano:

- esame del bilancio preconsuntivo della CuriaGeneralizia al 31 agosto 2018; a questo riguardo è stato constatato che ilbilancio è in linea con le previsioni

- esame del bilancio preventivo 2019 dellaCuria Generalizia e criterio di ripartizione per la determinazione delcontributo delle Province; a questo riguardo, nella previsione di fusioni diProvince, è emersa la necessità per il futuro di un nuovo criterio o perlomenodi un criterio modificato

- analisi dei bilanci consolidati delleProvince 2017; a questo riguardo non si sono notati significativi discostamentidai dati 2016

- analisi dei dati assistenziali 2016; a questoriguardo la Commissione ha constatato una volta in più l’enorme mole diattività dell’Ordine; nel contempo è emersa anche la necessità di ovviare adalcuni punti deboli della rilevazione che si auspica possano essere risolti infuturo con l’aiuto delle Province

- rilevazionedei dati finanziari dei centri nella regione Europa e introduzione del relativoquestionario nelle regioni America, Africa e Asia; per ora si può dire che ilquestionario si è rivelato uno strumento efficace che potrà essere impiegato alivello universale dell’Ordine.


 

Copyright © 2019 Fatebenefratelli