Presentazione del Progetto del Noviziato Europeo

 

Lo scorso 8aprile, nel corso della riunione della Regione Europa, presso la CuriaGeneralizia, è stato presentato il progetto del Noviziato Europeo a tutti iSuperiori Provinciali d’Europa.

La comunitàformativa del Noviziato Europeo, composta da Fra Luis Marzo (Spagna), maestro deinovizi, Fra Angelo Sala (Italia), Fra Tymoteus Holozubiec (Polonia) e FraDamian Horvath (Ungheria), accompagnati da Fra Benigno Ramos (già responsabiledella formazione nella Curia Generalizia), hanno avuto delle riunioniperiodiche già dal mese di ottobre dello scorso anno, per elaborare il progettodi vita comunitaria, il progetto formativo del Noviziato e per pianificarealcuni aspetti economici e pratici per la ristrutturazione della Casa cheospiterà il Noviziato, e che si trova a Brescia, in Italia.

Laformazione è uno dei pilastri fondamentali che sostengono la nostra vita comeFratelli di San Giovanni di Dio. E’ il mezzo più efficace per ottenere unosviluppo personale, rispondere alle esigenze della vita religiosa di oggi,assumere l’identità dell’Ordine e per rafforzare la nostra identitàospedaliera.

Siamoaltresì convinti che questa casa di formazione interprovinciale sarà un’opportunitàper accogliere la pluralità e la ricchezza degli stili di vita religiosa dellediverse Province europee. Vogliamo che sia un progetto solido e allo stessotempo flessibile, che tenga conto delle necessità individuali dei candidati,per poterli aiutare a discernere e consolidare la propria vocazione.

Certamente siamo consapevoli delle sfide chedovremo affrontare in questo progetto, come quelle linguistiche o delle diverseculture. Per superarle, pensiamo che una preparazione adeguata dei formandi el’apprendimento della lingua italiana faciliteranno un inserimento piùintegrale e una migliore assimilazione dei contenuti del programma e delladinamica del gruppo.

I giovaniformati in questo ambiente interprovinciale avranno più facilità nellacondivisione e nel lavorare con i Confratelli di altre Province, e ciò liaiuterà a realizzare un discernimento comune, non solo a livello Provinciale,ma dell’Ordine in Europa di fronte al futuro.

Il successodi questo progetto si basa sull’appoggio del governo delle Province, sullaqualità e la continuità dei programmi, sulla fiducia nei formatori esull’accompagnamento adeguato e individualizzato delle persone. Pensiamo che ilnoviziato europeo riuscirà a trasmettere un senso più universale e interculturaledella formazione dell’Ordine.



 

Copyright © 2019 Fatebenefratelli