150 anni Farmacia VATICANA

UDIENZA con PAPA FRANCESCO

 

Lunedì, 18 settembre 2023 alle ore 10:30,l’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio è stato onorato da un’udienza conil Santo Padre in occasione del 150° anniversario della sua missione nella FarmaciaVaticana (1874-2024).

Sono stati ricevuti da Papa Francesco i religiosidell’Ordine e i collaboratori della Farmacia Vaticana accompagnati da un foltogruppo di giovani Fatebenefratelli provenienti da tutto il mondo che in questomomento partecipano nella Curia Generalizia al corso di preparazione allaprofessione solenne. In tutto hanno partecipato all’udienza un numero di circa 150persone.

Ovviamente erano presenti all’udienza anche diverseautorità del Vaticano e rappresentanti del governo dell’Ordine come: il Card.Vérgez, Presidente del Governatorato, Suor Raffaella Petrini, SegretarioGenerale, il Padre Generale, Fra Jesús Etayo Arrondo, due Consiglieri Generali,altri confratelli della Curia Generalizia, il Priore e Direttore della FarmaciaFra Thomas Binish, i Religiosi della comunità della Farmacia Vaticana, ilcappellano della Farmacia, padre Julian, ecc.

Nel suo discorso, il Papa ha ricordato ai religiosie ai collaboratori della Farmacia che ilfarmacista non passa solo medicinali, ma trasmette coraggio e vicinanza; perdare il vero senso della Farmacia Vaticana, il Santo Padre ha sottolineato, che«è chiamata ad un “supplemento di carità”, svolgendoun servizio che, oltre alla vendita dei farmaci, è tenuto a distinguersi perl’attenzione alle persone più fragili e per la cura di chi si trova nellamalattia. È un impegno rivolto non soltanto ai dipendenti Vaticani e airesidenti nella Città del Vaticano, ma anche a chi ha bisogno di medicinaliparticolari, spesso difficilmente reperibili altrove».

Per quanto riguarda i religiosi in particolare,il Papa è tornato alle radici della storia ricordando che l’istituzione realizzò un sogno di Papa Gregorio XVI, monaco camaldoleseche aveva ben presente l’importanza della farmacia annessa al monastero. Fu poiil Beato Pio IX a realizzare questo sogno, affidando al Superiore Generaledell’Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Dio il compito di dare vita a unafarmacia in Vaticano.

L’Ordine, infatti, ha ricordato ancora PapaFrancesco, vantava una lunga tradizionein tale ambito, con la farmacia della casa religiosa che in molti luoghisvolgeva anche un servizio per le persone esterne. Venne così scelto come primo farmacista fra Eusebio Frommer, religiosodei Fatebenefratelli, ed ebbe inizio la vostra storia, unica nel suo genere.150 anni fa! Sempre facendo memoria, quasi sfogliando un album di fotografieinsieme, è bene ricordare un momento importante, cioè il servizio del vostro Ordinedurante il Concilio Vaticano II. Ogni mattina, prima dell’inizio delle seduteconciliari, il locale della Farmacia era affollato da Vescovi di ogninazionalità per l’acquisto dei medicinali e, mentre un piccolo gruppo diconsacrati cercava di soddisfare le richieste nelle diverse lingue, altri duereligiosi infermieri erano presenti nelle postazioni fisse di pronto soccorsoinsieme a un medico e due barellieri, per qualunque altra esigenza.

Ringraziando tutti, il Santo Padre ha invitatola comunità dei Fatebenefratelli, i farmacisti, collaboratori e dipendenti, adandare avanti con generosità, portando avanti questa missione che non è unmestiere, perché ogni giorno si può fare tanto bene, sia per rendere ilservizio della Farmacia Vaticana sempre più efficiente e moderno, sia permanifestare quella cura attenta e quell’accoglienza premurosa che sono testimonianzadel Vangelo per quanti entrano a contatto con essa e con chi ci lavora.

Concludendo il suo discorso il Papa haesortato i presenti: Abbiate tantapazienza, ricordando che la pazienza è la cartina di tornasole dell’amore.E, a mo’ di un piccolo consiglio spirituale, ha aggiunto: Ogni tanto alzate gli occhi verso il Crocifisso, volgendo lo sguardo alDio piagato e ferito. Il servizio che fate ai malati è servizio fatto a Lui. Edè bello attingere dal Medico celeste pazienza e benevolenza, e la forza diamare, senza stancarsi. Alla sua scuola, dalla cattedra della croce al banconedella farmacia, anche voi possiate essere ogni giorno dispensatori dimisericordia. Vi benedico e vi chiedo, per favore, di pregare per me. Grazie.

Alla fine dell’udienza i confratelli convenutihanno ricevuto un piccolo rinfresco e hanno potuto visitare la FarmaciaVaticana, la prima volta per alcuni, dove le attività lavorative erano di nuovoriprese come sempre.



 

Copyright © 2024 Fatebenefratelli