XXVIII Giornata Mondiale della Vita Consacrata

lettera circolare del Priore Generale

 


Una Chiesa Sinodale in Missione

 

A tutti i Confratelli ele Comunità dell’Ordine


Stimati Confratelli,


il 2 febbraio si celebrerà in tuttala Chiesa la 28ª Giornata Mondiale della Vita Consacrata. In questa occasionedesidero inviare le mie felicitazioni a tutti i Confratelli e ai religiosi e allereligiose che collaborano con noi condividendo la nostra missione. Invito tuttia celebrarla rendendo grazie al Signore per il dono della Vita Consacrata cheEgli fa permanentemente alla Chiesa e in particolare ai noi religiosi Fatebenefratelli.


L'anno scorso, in occasione della Giornata mondiale,ho fatto riferimento alla sinodalità come tema centrale del Sinodo. Comesapete, questo Sinodo si articolerà in due sessioni: la prima si è svoltanell'ottobre 2023, mentre la seconda si terrà nell'ottobre di quest'anno 2024.Quindi, possiamo dire che siamo a metà del Sinodo e la Chiesa ci invita acontinuare a pregare e a prepararci per la seconda fase, camminando insieme contutta la Chiesa, con tutto il Popolo di Dio, di cui la vita consacrata costituisceuna parte importante. 

 

Al termine della prima sessione, è stata pubblicatauna relazione di sintesi intitolata "Una Chiesa sinodale inmissione", con una serie di punti e temi molto importanti per un'ulterioreriflessione, che sarà proseguita nella seconda sessione di quest'anno. Laprospettiva sinodale rappresenta il futuro della Chiesa, questa laconvinzione della prima sessione. Su questa linea, il documento di sintesiraccoglie le convergenze, le domande da affrontare e le proposte da discerneresu 20 temi fondamentali della vita della Chiesa. Uno riguarda la VitaConsacrata. È il decimo punto, contenuto nella seconda parte del testo: Tuttidiscepoli, tutti missionari. Ecco alcuni dei punti più interessanti di questasezione:    


a)   Lungo il corsodei secoli la Chiesa ha sempre sperimentato il dono dei carismi grazie ai qualilo Spirito Santo la fa ringiovanire e la rinnova, dai più straordinari a quellopiù semplici e largamente diffusi. Con gioia e gratitudine, il Santo Popolo di Dioriconosce in essi l’aiuto provvidenziale con cui Dio stesso sostiene, orienta eillumina la sua missione.

b)   La dimensionecarismatica della Chiesa ha una particolare manifestazione nella vitaconsacrata, con la ricchezza e la varietà delle sue forme. La sua testimonianzaha contribuito in ogni tempo a rinnovare la vita della comunità ecclesiale,rivelandosi un antidoto rispetto alla tentazione ricorrente della mondanità. Lediverse famiglie religiose mostrano la bellezza della sequela del Signore, sulmonte della preghiera e sulle strade del mondo, nelle forme di vitacomunitaria, nella solitudine del deserto e sulla frontiera delle sfideculturali. La vita consacrata più di una volta è stata la prima a intuire icambiamenti della storia e cogliere gli appelli dello Spirito: anche oggi laChiesa ha bisogno della sua profezia. La comunità cristiana guarda inoltrecon attenzione e gratitudine alle sperimentate pratiche di vita sinodale e didiscernimento in comune che le comunità di vita consacrata hanno maturato lungoi secoli. Anche da esse sappiamo di poter apprendere la sapienza del camminareinsieme. Molte Congregazioni e Istituti praticano la conversazione nelloSpirito o forme analoghe di discernimento nello svolgimento dei Capitoliprovinciali e generali, per rinnovare le strutture, ripensare gli stili divita, attivare nuove forme di servizio e di vicinanza ai più poveri. In altricasi si riscontra però il perdurare di uno stile autoritario, che non fa spazioal dialogo fraterno.

c)   Con parigratitudine, il Popolo di Dio riconosce i fermenti di rinnovamento presenti incomunità che hanno una lunga storia e nella fioritura di nuove esperienze diaggregazione ecclesiale. Associazioni laicali, movimenti ecclesiali e nuovecomunità sono segno prezioso della maturazione della corresponsabilità di tuttii battezzati. Il loro valore risiede nella promozione della comunione tra lediverse vocazioni, nello slancio con cui annunciano il Vangelo, nellaprossimità a coloro che vivono una marginalità economica o sociale enell’impegno per la promozione del bene comune. Sono spesso modelli dicomunione sinodale e di partecipazione in vista della missione.

d)   I casi di abusodi vario genere a danno di persone consacrate e membri di aggregazioni laicali,in particolare donne, segnala un problema nell’esercizio dell’autorità erichiede interventi decisi e appropriati.

a)   Gli ambiti in cui la formazione delPopolo di Dio si declina sono molti. Oltre alla formazione teologica, è statamenzionata quella relativa a una serie di competenze specifiche: eserciziodella corresponsabilità, ascolto, discernimento, dialogo ecumenico einterreligioso, servizio ai poveri e cura della casa comune, impegno come“missionari digitali”, facilitazione dei processi di discernimento econversazione nello Spirito, costruzione del consenso e risoluzione deiconflitti. Va dedicata particolare attenzione alla formazione catechetica deibambini e dei giovani, che dovrebbe comportare la partecipazione attiva dellacomunità (punto 14 sulla formazione). A questo proposito, vorrei segnalarvi unsito web in cui sono disponibili materiali di formazione in diverse lingue: https://formaciononline.bc.edu


Questi sono solo alcuni punti della ricca sintesidella prima sessione, che vi invito a leggere, studiare e condividere incomunità.


Come sapete, in ottobre celebreremo il LXX Capitolo Generaledell’Ordine a Częstochowa, in Polonia. Vogliamo che sia un'esperienza sinodalein linea con ciò che la Chiesa ci invita a fare. Per questo ci stiamopreparando e vi incoraggiamo a partecipare ai gruppi di preparazione che stannolavorando nelle Province. Invito tutta la Famiglia Ospedaliera di San Giovannidi Dio a pregare affinché il Capitolo Generale sia guidato dallo Spirito delSignore e porti i frutti desiderati.


Felicitazioni a tutti i Confratelli, ai religiosi ealle religiose che fanno parte della nostra Famiglia di San Giovanni di Dio peril dono della nostra vocazione, viviamola con gioia e rendiamo grazie a Dio perquesto dono!


Uniti nel Signore e in San Giovanni di Dio, unabbraccio fraterno e ospedaliero.

 

FraJesús Etayo

SuperioreGenerale



 

Copyright © 2024 Fatebenefratelli